Lotta Al Biotetec A Bergamo

Lotta Al Biotetec A Bergamo

un’iniziativa dei Verdi

— «No al cibo Frankenstein». Con questo slogan i Verdi scenderanno in piazza, il prossimo week-end. Obiettivo: denunciare i rischi derivanti dalla manipolazione genetica nelle produzioni agro-alimentari.

«Anche in provincia di Bergamo – ha sottolineato Renato Sabbadini, coordinatore cittadino dei Verdi durante la conferenza stampa che si è tenuta ieri nella sede di Borgo Santa Caterina – si è ottenuta l’autorizzazione da parte del ministero dell’Agricoltura ad avviare sperimentazioni genetiche su sei prodotti. Noi riteniamo che il cibo transgenico, già abbondantemente presente sui nostri piatti, rappresenti una grave minaccia per la salute, per gli equilibri ambientali e la sopravvivenza dei paesi in via di sviluppo».

«Ciò che chiediamo – ha aggiunto il consigliere regionale Chicco Crippa – è una moratoria degli esperimenti per i prossimi cinque anni, oltre a maggiori controlli sulle sperimentazioni che sono già stati avviati: purtroppo i test non sono sempre svolti in serra, per cui le coltivazioni confinanti rischiano di essere “contaminate” dai pollini transgenici. Servirebbe un’etichettatura più dettagliata, in grado di certificare la genuinità del prodotto a partire dalle sementi».

Altro punto dolente è quello dell’agricoltura biologica: «Nella nostra provincia – ha affermato Fausto Amorino di Legambiente – 42 aziende lavorano seguendo criteri rigorosamente “biologici”. Manca però una distribuzione adeguata. Risultato: molti produttori sono costretti a esportare e nessuna delle scuole bergamasche ha ancora introdotto prodotti biologici nelle proprie mense, nonostante i comitati dei genitori si stiano battendo per ottenerli».

A questo proposito, nelle prossime settimane, Massimo Tazzioli – consigliere comunale dei Verdi – Alternativa giovane – presenterà un ordine del giorno in consiglio comunale, mentre Legambiente sta preparando una serie di iniziative per promuovere la produzione e il consumo dei prodotti biologici. Nel frattempo si muoveranno i Verdi: domani dalle 16 alle 19 verrà allestito uno stand in piazza Matteotti dove, oltre al materiale informativo sui rischi delle coltivazioni transgeniche, verranno offerti degli assaggi di prodotti biologici: dal vino, alla frutta, ai dolci.

E. Fa.